Seguici       
Tel 327 7398810 - Email: info@rosaperlavita.org

 

Counseling Oncologico Domiciliare

Vuoi conoscere il Counseling Domiciliare per pazienti oncologiche?

A Rosa per la Vita Onlus nasce un nuovo servizio per la paziente oncologica:
il COUNSELING ONCOLOGICO DOMICILIARE

8 INCONTRI GRATUITI A DISPOSIZIONE PER 6 PAZIENTI ONCOLOGICHE

Il servizio si rivolge a tutte le donne affette da neoplasia impossibilitate a raggiungere la sede di Rho. Un counselor sarà disponibile a raggiungere le loro abitazioni presenti nel Comune di Rho e aree limitrofe nonché nella città di Milano  e nel Comune di Melegnano e zone limititrofe. I colloqui di counselling domiciliare per donne affette da neoplasia avranno l’obiettivo, attraverso l’ascolto empatico e la partecipazione attiva della donna, di fornire tutti gli spunti possibili affinché il “cancro” possa diventare un grande momento di opportunità e cambiamento nonché sostegno a tutte le donne nei momenti di maggiore difficoltà.
 

I dubbi degli scienziati sull’efficacia della diagnosi precoce del cancro

Non ci sono prove che lo screening contro il cancro riesca a “salvare vite umane”. Lo scrivono Vinay Prasad, Jeanne Lenzer e David Newman in un’analisi pubblicata sul British Medical Journal. Gli autori spiegano che gli studi sui benefici dello screening si basano sulla mortalità relativa al tipo di cancro contro cui viene fatto il controllo. Tuttavia, quando si esamina la mortalità generale, per tutti i tumori insieme, sembra che gli esami non portino a miglioramenti. 

Dialogo ed integrazione per il paziente oncologico

Sulla rivista di Medicina Integrata di ottobre 2016 è apparso un interessante articolo relativo all’importanza dell’ascolto e disponibilità da parte del medico nei confronti del paziente oncologico. Rosa per la Vita Onlus considera tale approccio fondamentale sia per la riuscita delle terapie che per il mantenimento di una buona qualità di vita del paziente oncologico.

Counseling oncologico. Le parole che curano le ferite dell’Anima

L’importanza del Counseling, in oncologia, risiede soprattutto nel colloquio empatico con la persona, dove la parola ha un impatto potentissimo. A. Agostino diceva: “Le parole non sono state inventate perché gli uomini s'ingannino tra loro, ma perché ciascuno passi all'altro la bontà dei propri pensieri”. Le parole che curano l’Anima sono parole efficaci basate sull’amore per noi stessi e per gli altri.

Tu chiamale se vuoi… emozioni

Cosa sarebbe la vita senza emozioni? Se ci pensiamo bene noi viviamo per emozionarci ed evochiamo emozioni in ogni cosa che facciamo, ognuno a modo proprio. Viviamo emozioni attraverso il cibo, il buon vino, la musica, l’arte, il primo appuntamento, un volo in bungee jumping, la nascita di un figlio, vederlo crescere, una competizione sportiva, la velocità, la contemplazione, la fede, una vittoria, una sconfitta, un abbraccio, un addio, un film, un progetto realizzato, una delusione amorosa o un fiore che sboccia nel nostro giardino.

La fitoterapia per il benessere del paziente oncologico

Prima di ricorrere a qualsiasi terapia complementare o alternativa, i pazienti a cui è stato diagnosticato un tumore dovrebbero rivolgersi a un medico oncologo per curare la propria patologia; in questo modo non ci verificheranno interferenze tra le varie terapie. Tuttavia esistono fitoterapici e rimedi naturali in grado di alleviare gli effetti collaterali delle terapie aniblastiche e migliorare notevolmente la qualità di vita.

L’adroterapia

Lo scopo dell’adroterapia è quello di curare i tumori mediante l’impiego di protoni e di ioni carbonio, particelle appartenenti alla categoria degli adroni. Ciò è possibile attraverso l’utilizzo di un complesso acceleratore di particelle, detto sincrotone, la cui funzione consiste nello scomporre gli atomi e nel creare fasci di protoni e ioni carbonio, da indirizzare sulle cellule del tumore per distruggerle. Il Centro Italiano di riferimento è il CNAO, con sede a Pavia.

L’immuno-oncologia che cos’è?

L’immunoterapia si unisce alla chirurgia, alla radioterapia e alla chemioterapia quale importante opzione terapeutica per i pazienti oncologici. (...). Anche se non tutti i pazienti rispondono all’immunoterapia, vari studi evidenziano una riduzione della massa tumorale di lunga durata e un aumento della sopravvivenza, che possono essere superiori a quanto generalmente osservato con la chemioterapia quando questa risulta efficace. 

La terapia molecolare in oncologia

Sul sito dell’AIMAC è stato pubblicato un interessante articolo relativo alle nuove terapie a bersaglio molecolare. Le terapie a bersaglio molecolare rappresentano un importante passo avanti nella cura dei tumori e la ricerca clinica è ormai quasi esclusivamente orientata in questo senso. 

Il modello olistico in oncologia

Nella cultura occidentale la tendenza è quella di considerare la malattia come un’alterazione, una lesione o un’aggressione dall’esterno. Nel caso del cancro, viene utilizzata la metafora della guerra. A parecchi sarà capitato di leggere frasi quali “combattere il cancro”, “la lotta al cancro".La visione olistica, partendo da premesse eco-sistemiche, consente di collocare il processo patologico dentro una dimensione più vasta, che coinvolge l’Anima, la Mente ed il Corpo.

Pre-venire

L’argomento della “malattia” può essere correlato alla legge di attrazione. La salute del corpo ed ogni guarigione dipende essenzialmente dalla Mente Interna.
Con i nostri pensieri creiamo la nostra realtà e il nostro stato di salute non fa eccezione, ce lo insegna la legge d’attrazione; ogni sintomo manifestato dal nostro corpo è un messaggio di avvertimento di un disagio interiore, ci rivela la metamedicina; la cura di ogni malattia abbisogna di un approccio che includa corpo e mente, seguendo il principio transpersonale e non solo terapico, dichiara il Dott. Ricardo Orozco, indiscussa autorità internazionale nella floriterapia, noto per aver esteso, inglobandola, la psicoterapia con la somministrazione dei fiori di Bach.

Oltre il cancro: “Ri-crea la tua vita”

 Si chiama “Ri-Crea la tua vita” il percorso di rinascita in venti step ideato da Giulietta Bandiera, giornalista milanese e trainer psico-spirituale di lungo corso (foto sotto, a destra), per favorire la prevenzione e fornire un supporto di grande importanza alla terapia oncologica. Il programma, che a breve verrà proposto anche negli ospedali ad opera di due associazioni milanesi che lo stanno attualmente sostenendo, Rosa per la Vita e Ricomincio da me, è stato messo a punto sulla base di una serie di casi di guarigione spontanea dal cancro, che hanno permesso all’ideatrice di identificare su base empirica quali siano i requisiti di chi riesce a guarire anche da diagnosi gravissime, oltre naturalmente di chi di cancro non si ammala affatto.

L'allarme dell'Oms: "Wurstel, bacon e carni lavorate sono cancerogeni"

"Le carni lavorate come i wurstel sono cancerogene", e vanno inserite nel gruppo 1 delle sostanze che causano il cancro a pericolosità più alta come il fumo e il benzene. Lo afferma l'International Agency for Research on Cancer (IARC) dell'Oms. Meno a rischio risultano essere quelle rosse non lavorate, inserire fra le "probabilmente cancerogene". Il verdetto shock dell'Organizzazione mondiale della sanità rischia di danneggiare in maniera decisiva le catene di fast food e l'industria della carne.

Nordic Walking e Riabilitazione Oncologica

Questo corso è un po’ uno dei fiori all’occhiello della Scuola Italiana Nordic Walking in quanto è la prima a proporre nel panorama nazionale (e forse mondiale) questo tipo di specializzazione che da un segnale chiaro di come ci si stia muovendo con grande qualità e professionalità per dare sempre nuovi strumenti e sopratutto nuove competenze specifiche ai nostri istruttori.
Nel corso di questi ultimi anni, sempre più spesso la Scuola ha iniziato a collaborare in progetti legati alla riabilitazione oncologica sopratutto nell’ambito delle donne operate al seno grazie anche al grande lavoro svolto in questo senso dalla nostra Maestra Maria Grazia Pastore che ha sviluppato esperienza, metodologie, capacità e contatti che oggi ci permettono di proporre il “Nordic Walking” come uno strumento di grandi potenzialità per questo tipo di problematiche.
Ed è grazie a questo che sono nati collaborazioni con Centri di Riabilitazione Oncologica e con la LILT (Lega Italiana Lotta ai Tumori) e con diverse associazioni di donne in rosa di varie città italiane, tra le quali ROSA PER LA VITA ONLUS.

Proprio per questa crescente necessità di operare in questo specifico settore la Scuola Italiana N.W.  ha pensato di organizzare un corso di specializzazione su “Nordic Walking e Riabilitazione Oncologica”,  sviluppato con medici e fisioterapisti che operano quotidianamente con pazienti colpiti da questa problematica, per poter fornire delle conoscenze e delle corrette metodologie di lavoro con il Nordic Walking agli istruttori che si troveranno a collaborare a progetti sviluppati in questo ambito affiancando le varie figure specialistiche previste.

Alle associate di Rosa per la Vita Onlus è data la possibilità di frequentare a delle condizioni molto vantaggiose sotto tutti gli aspetti.
Per info: 327 7398810

Che cos’è la malattia?

La malattia è definita da vocabolario come “anomala condizione dell’organismo causata da alterazioni organiche o funzionali”. Senza giudicare le convinzioni altrui noi ci permettiamo di confrontare il punto di vista allopatico, cioè quello della medicina ufficiale, e quello della medicina olistica.

100% responsabile

Negli ultimi anni si sono diffuse sempre di più le teorie che parlano di come ognuno sia autore del 100% della propria vita, delle cose belle, ma anche di tutte quelle brutte. Ovviamente, noi di Rosa per la Vita ci troviamo concordi con queste affermazioni. Diamo per scontato che, in qualunque punto della propria esistenza ci si trovi, abbiamo scelto noi di essere lì. (...) Spesso si parla di legge di attrazione e di come i nostri pensieri modifichino ed attirino persone, cose e situazioni.

Benvenuti

Benvenuti nel Blog di Rosa per la Vita! Noi dello staff di Rosa per la Vita abbiamo pensato di come sia importante per noi avere una possibilità di dialogo diretto con i nostri utenti. Sappiamo che le distanze geografiche e la moltitudine di impegni quotidiani possano essere di intralcio per stabilire un contatto fisico, così vogliamo creare questa sorta di “salotto virtuale” in cui chiacchierare con voi.

SAMSARA food sequence

Attenzione questo video potrebbe provocare disagio...!

Alimentazione e tumori

Vi proponiamo 3 video da vedere su questo agromento.

Viviani alimentazione e tumori >

Trincia alimentazione e malattie >

Viviani alimentazione e tumori 2>

Buona visione

Intervento di Alberto Mondini. Peste e corna della medicina odierna

Peste e corna della medicina odierna
Intervento di Alberto Mondini autore del libro "Il Tradimento della Medicina" durante una conferenza sui vaccini e su la medicina moderna.

Le autopsie rivelano che i tumori...

Luigi De Marchi, psicologo clinico e sociale, autore di numerosi saggi conosciuti a livello internazionale, parlando con un amico anatomo-patologo del Veneto sui dubbi dell’utilità delle diagnosi e delle terapie anti-tumorali, si sentì rispondere: «Sì, anch’io ho molti dubbi. Sapessi quante volte, nelle autopsie sui cadaveri di vecchi contadini delle nostre valli più sperdute ho trovato tumori regrediti e neutralizzati naturalmente dall’organismo: era tutta gente che era guarita da sola del suo tumore ed era poi morta per altre cause, del tutto indipendenti dalla patologia tumorale».

Il bicarbonato anticancro inguaia le case farmaceutiche

Il Dr. Mark Pagel della University of Arizona Cancer Center riceverà 2 milioni di dollari dal National Institutes of Health per studiare l’efficacia della terapia personalizzata con bicarbonato di sodio per il trattamento del cancro al seno. In realtà, il bicarbonato di sodio è una delle cure più efficaci contro malattie acute come influenza e raffreddore, inoltre, se assunto per via orale e transdermica, ecco che il bicarbonato diventa una prima cura per il trattamento del cancro, malattie renali, diabete e, come detto prima, raffreddore e influenza.

Prevenzione. La Gratitudine

La gratitudine è certamente uno dei più preziosi processi alchemici. Se prende possesso di te, allora ogni tipo di nevrosi, psicosi, o qualsiasi altra psicopatologia, svanisce in modo del tutto naturale… Per me, questa è l’unica preghiera. Tutte le altre preghiere sono costruite dall’uomo. Questa è la sola preghiera che si manifesta in te come il profumo dai fiori: una preghiera non detta, non espressa in parole, ma vissuta. È espressa in ogni tua azione, in ogni tuo gesto.

L'armonia interiore aiuta ad innalzare le vibrazioni cellulari

"L'armonia interiore aiuta ad innalzare le vibrazioni cellulari e quindi aiuta ad avere difese immunitarie molto elevate, chi ha armonia interiore non ha blocchi emozionali perché è centrato nell'Uno, nel ricordo di Sè, e si è centrato nell'anima attraverso l'osservatore. Fondamentale è mettere tanta volontà per non giudicare e non lamentarsi ma per accettare ogni cosa che ci accade con gratitudine perché ci dona un insegnamento per l'evoluzione dell'anima. 

Prevenzione dei tumori della mammella

Ringrazio tutti coloro che hanno voluto il mio intervento nella presentazione del libro scritto dalla dottoressa Santa Impellizzieri “IL LIBRO DEL SENO”.
Ringrazio Santa, il sindaco di Santa Maria Del Cedro Francesco Maria Fazio, senologo e presidente A.N.D.O.S. e l’Associazione “Donna Mediterranea O.N.L.U.S” di cui faccio parte. Il libro riveste un notevole interesse, perché arricchisce in modo semplice e completo la nostra cultura in materia di seno, soddisfacendo tutte le nostre curiosità, interessa sia alle donne sia agli uomini perché in esso viene descritta anche la mammella maschile.

Tumore mammario: lieve declino connesso ad HRT

È stato osservato un calo nell'incidenza dei tumori mammari che rispecchia perfettamente il declino nell'uso dell'HRT. Quest'ultimo è avvenuto alla fine del 2002, quando un importante studio è stato interrotto e la sicurezza di questi farmaci è stata messa in discussione. La combinazione fra estrogeni e progestina infatti aumenta significativamente il rischio di tumori mammari invasivi.

I tumori causano problemi emotivi simili su sopravvissuti e loro partner

I coniugi ed i partner di pazienti sopravvissuti a tumori vanno incontro ad uno stress emotivo simile a quello osservato sui pazienti stessi. Ciò sottolinea l'importanza di occuparsi delle necessità dei membri della famiglia che assistono i pazienti oncologici.

Le promettenti scoperte farmacologiche per il tumore mammario in stadio I°

Si tratta di un’altra via attualmente ancora oggetto di studio, rappresentata dall’impiego della Fenretinide (analogo della vitamina A). È stato completato un trial di fase III in 2972 pazienti con una storia di carcinoma mammario in stadio I°, randomizzate a fenretinide 200mg al giorno per 5 anni. L’endpoint principale era la comparsa di tumore controlaterale.

Il PAP Test come prevenzione secondaria

Il carcinoma della cervice uterina è il secondo cancro più frequente della popolazione femminile in tutto il mondo dopo il carcinoma mammario e il quarto nel mondo occidentale. Una riduzione significativa sia dell’incidenza che della mortalità del carcinoma della cervice ed un aumento di diagnosi di lesione preinvasive si sono avuti nei paesi dove si fa prevenzione e dove si eseguono efficaci programmi di screening tramite PAP Test.

Malattie benigne della mammella

Le lesioni benigne della mammella, B.B.D. (Benign Breast Disease), rappresentano un limitato numero di patologie di varia origine epiteliale, infiammatorie e non epiteliali, a prognosi in genere favorevole e solo in alcune circostanze associate a quadri patologici al limite della benignità. Alcune lesioni istologiche, descritte come B.B.D., devono essere considerate come semplici varianti della normalità o come modificazioni regressive legate al normale processo involutivo,non rappresentando alcun rischio di trasformazione carcinomatosa.

Importanza della prevenzione per la diagnosi precoce del tumore mammario

La parola d’ordine resta sempre PREVENZIONE: un sano stile di vita (specie della dieta e dell’esercizio fisico) e indagini mirate, selezionate, che siano consigliate dallo specialista in base all’età della paziente, alla familiarità per patologia neoplastica della mammella, al tipo di struttura mammaria (che è assolutamente soggettiva ), ed in base ad una patologia mammaria riscontrata da accertamenti,

Valutazione dei fattori di rischio per l'insorgenza del carcinoma mammario

Lo studio dei fattori di rischio di insorgenza della patologia mammaria in generale e del carcinoma mammario in particolare, è un argomento di indagine scientifica che negli ultimi 18 mesi ha trovato un nuovo vigore ed un numero sempre più ampio di ricercatori. La consapevolezza che la genesi della patologia mammaria è multifattoriale ha spinto molti ricercatori a raccogliere diverse serie di gruppi di pazienti che mettevano in evidenza i fattori di rischio più disparati.

Betting site http://cbetting.co.uk more info for Paddy Power Offers

Newsletter

Iscriviti per essere Informata/o sulle nostre attività ed i nostri eventi
Sono d'accordo con Privacy e Termini di Utilizzo and the Privacy policy

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.